sabato 27 settembre 2014

Linux Day 2014






Sabato 25 Ottobre 2014




Quest'anno, per il terzo anno consecutivo, Alug sta organizzando, per il 25 ottobre, il Linux Day.

La bozza del programma è il seguente:

  • Ninux "Reti wifi libere"
  • No-privacy 2.0 talk sulla sicurezza informatica
  • Raspberry Pi "Il computer più piccolo al mondo"
  • "Linux e la firma digitale"

Il programma è solo una bozza e verrà aggiornato al più presto. 
Stay tuned!

sabato 5 luglio 2014

Processo Telematico Civile su Linux (e low cost)

Il 30 giugno 2014 è ufficialmente entrato in vigore (D.L. 90/2014 Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari) - anche se per il momento non a pieno regime - il Processo Civile Telematico. Si tratta di una delle più grandi riforme che la giustizia italiana abbia mai attraversato negli ultimi anni e comporta il preciso obiettivo di raggiungere in breve alla completa digitalizzazione dei fascicoli processuali con significativi risvolti in termini di celerità ma anche di maggiore sicurezza.

In questa guida non verra illustrato il funzionamento del Processo Civile Telematico in sé. Per questo esistono già numerose guide e video guide oltre che i vademecum già predisposti dai locali consigli dell'ordine e dai distretti di corte d'appello ai quali vi rimando.

In questa guida ci si limiterà a illustrare solo l'aspetto prevalentemente tecnico per il migliore utilizzo su piattaforme Linux (la distro utilizzata in questa guida è Xubuntu 12.04 LTS) e sopratutto low cost.



Premessa

L'avvio del Processo civile telematico (d'ora in poi PCT) presuppone che il professionista si doti di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) nonché di un dispositivo smart cart necessario per l'apposizione della firma digitale qualificata e per l'identificazione presso il sito istituzionale del Polisweb PCT (necessario per la consultazione telematica dei fascicoli).

Sarà necessario anche un sofware c.d. "imbustatore" (impropriamente anche detto "redattore") e preferibilmente un client di posta elettronica.





1. Il sofware c.d. "imbustatore" e il client di posta elettronica

Il mercato offre numerosissime soluzioni, a volte parecchio costose, a volte con pacchetti "all in one", comprensivo anche di agenda legale, client di posta elettronica e altri gestionali vari. Si tratta di pacchetti che indubbiamente semplificano le operazioni ma che nella stragrande maggioranza dei casi non sono compatibili con Linux.

Per il momento esiste un unico applicativo disponibile, tra gli altri, anche per Linux. E' abbastanza intuitivo e sta già riscuotendo successo anche nelle altre piattaforme, in quanto gratuito, stiamo parlando di SL pct.
SL pct è un sofware gratuito ma non open source, sviluppato per conto della Regione Toscana in linguaggio Java.

Questo software si è dimostrato funzionante con le OpenJDK.
Nel caso in cui si opti per la versione ufficiale di Oracle Java, occorre installare anche le Java Crytography Extentions (JCE)
Per quest'ultimo passaggio vi rimando all'ottima guida presente sul forum dell'Istituto Majorana.

Il client di posta elettronica non è propriamente indispensabile, ma è caldamente consigliato, in quanto il PCT a pieno regime sarà in grado di generare una mole di traffico tale da porre a saturazione nel giro di pochi mesi gli angusti spazi messi a disposizione nella maggior parte dei provider di PEC.
 
Ciò che mi sento di consigliare, in luogo del più rinomato Thunderbird, è Evolution, che a differenza del primo non risente di problemi nella gestione delle PEC, che supporta a pieno, e sopratutto è corredato di un'ottima funzione di backup integrato oltre una comoda agenda.
E' disponibile solo per Linux ed è sviluppato dalla Gnome Foundation, lo trovate comodamente nel PPA di Ubuntu e in quelli della stragrande maggioranza delle altre distro.




2. Scelta della smartcard


L'acquisto della firma digitale qualificata può essere comodamente effettuato da internet presso uno dei tanti soggetti autorizzati ad emetterle (Aruba firma digitale, Postecert, Infocert). Viene venduta in varie configurazioni (chiavetta, lettore da tavolo, firma remota) che si differenziano in genere per il prezzo e per qualche comodo accessorio.
La soluzione adottata nel caso specifico è stata l'acquisto della smart card sciolta da adoperare tramite lettore da tavolo.
Rapprenta la soluzione più economica e assieme riduce il rischio di smarrimento.
Tralascio pertanto ogni riferimento alle c.d. business key, ovvero la firma tramite chiavetta USB, anche perché allo stato attuale non sono disponibili i driver per Linux a 64 bit.

Nel caso specifico la scelta è caduta su Infocert in quanto effettua dei rilasci nativi per Linux (sotto forma di pacchetti deb testati su Ubuntu 10.04 e 12.04, a 32 e 64 bit) del suo software di firma (gratuito ma proprietario), DikeL.
E' bene tenere a mente che DikeL, per il momento, supporta ufficialmente solo Ubuntu 10.04 e 12.04.

Faccio altresi presente che anche le smart card rilasciate da Aruba (che ultimamente pare avere tagliato i prezzi) si prestano al nostro scopo, in quanto il software di firma Aruba Sign gira su tutti i sistemi operativi, compreso Linux 64 bit. Si tratta di un sofware scritto in Java, e perfettamente funzionante con le OpenJDK.
  

3. Scelta del lettore

In questo caso il consiglio quello di diffidare sempre da quelli forniti in pacchetti "tutto compreso" e procedere piuttosto in proprio l'acquisto di quello maggiormente supportato.

Premetto che ad oggi sono numerosi i dispositivi supportati da driver specifici (tra i tanti anche l'ottimo MiniLector di bit4id).
Nel caso specifico è stato scelto il lettore Gemalto Gem PC USB, peraltro in uso presso le cancellerie di numerosi tribunali, che risulta anche essere tra quelli più a buon mercato.
Lo potete trovare per una decina di Euro on line presso i siti specializzati, su Amazon o nei negozi di forniture per ufficio, e ha altresì il vantaggio di essere compatibile anche con la Carta Nazionale dei Servizi (tessera sanitaria) e con la Carta Regionale dei Servizi della Regione Lombardia, oltre che con le smart card di firma digitale rilasciate dagli altri enti certificatori.


4. Installazione lettore smart card Gemalto Gem PC USB

I driver di questo lettore sono open source e sopratutto sono comodamente disponibili nei PPA di Ubuntu oltre che in quelli di numerose distro (tra le quali anche Fedora).
Per coloro che preferiscono ancora l'approccio tradizionale sarà necessario impartire i seguenti comandi e il gioco è fatto:

apt-get install libccid

apt-get install pcscd


E' tuttavia consigliabile installare anche i seguenti pacchetti:

apt-get install libusb-dev libusb++-0.1-4c2

apt-get install libpcsclite1

apt-get install libpcsclite-dev


Pacchetti facoltativi che ci torneranno utili solo per le verifiche sono:

apt-get install libpcsc-perl

apt-get install pcsc-tools


A questo punto la spia del lettore dovrebbe iniziare a lampeggiare, segno che tutto è andato bene. In ogni caso è bene controllare tramite il solito comando lsusb che il sistema lo abbia riconosciuto.


A questo punto la smart card dovrebbe essere pienamente funzionante e in grado di firmare digitalmente i vostri documenti.
Gemalto GEM PC è un lettore standard, e pertanto viene risconosciuto senza problemi da tutti i sofware di firma.



5. Il sofware di firma

Il processo firma è gestito da un apposito software che dovete installare a parte.
Sfortunatamente non esistono ancora soluzioni open, in quanto il progetto Open Signature sembrerebbe essere abbandonato da anni, e perciò ci si deve affidare a soluzioni prevalentemente proprietarie.

Come già specificato in premessa Dike è il sofware sviluppato per conto di Infocert.
Lo trovate già pacchettizzato in deb ma supporta ufficialmente solo Ubuntu 10.04 LTS e 12.04 LTS, sia a 32 che 64 bit. E' un sofware gratuito ma con versioni plus a pagamento.
Faccio tuttavia presente che numerosi utenti Linux hanno riscontrato problemi in quanto non sempre funzionante nelle operazioni di firma.


Aruba Sign è il sofware sviluppato da Aruba. E' in grado di leggere anche le smart card rilasciate da Infocert, ragione per la quale è la soluzione consigliata nel caso in cui Dike dovesse dare problemi. Aruba Sign è sviluppato in linguaggio Java e supporta tutte le piattaforme, a 32 e di recente anche Linux a 64 bit. E' gratuito.


File Protector è il sofware firma sviluppato da Actalis per conto di Infocamere. Funziona anche con smart card diverse ed è distribuito nei comodi pacchetti deb.
Specifico che taluni utenti hanno riscontrato malfunzionamenti.


Apache Open Office/Libre Office, hanno integrato, a partire dalle loro ultime versioni (v. 4.0) la possibilità di firmare digitalmente i documenti senza necessità di adoperare sofware esterno. Vi rimando, a tal proposito, alle rispettive guide invitandovi all'aggiornamento qualora non lo aveste ancora effettuato.



6. Accesso al Polisweb PCT: installazione del middleware della smart card

Per potere operare il riconoscimento web (e quindi Polisweb) con la nostra smart card sarà necessario installare anche l'apposito middleware.

Premetto sin d'ora che ogni smartcard ha il proprio middleware, che può differire non solo in base al produttore (es. Athena, InCard, Oberthur) ma anche in base al numero di serie della stessa.
Alcuni middleware sono disponibili nella sezione download di Aruba, e sono funzionanti anche per le smart card rilasciate da terzi

Potete conosce con esattezza il tipo di scheda accedendo a Dike-Util (fornito al corredo di DikeL) alla voce "verifica smart card".
Vi rimando al sito del vostro gestore per il download del middleware esatto.

Ricordandovi di operare con i permessi di root, dovrete semplicemente copiare il file middleware (riconoscibile per l'estensione .so) nella cartella

/usr/lib

o a seconda della distribuzione

/usr/local/lib



7. Accesso al Polisweb PCT: configurazione browser Firefox

L'ultimo passaggio necessario per potere interfacciare la smart card al web e la configurazione del brower.

Premetto che questa operazione è possibile (con qualche passaggio in più) anche con Chrome/Chromium. Se avete una business key potete saltare interamente questo passaggio in quanto le stesse dispongono delle versione preconfigurata di Firefox portable.
Su altri siti trovate analoghe guide relizzate con Firefox 3.x. Tali guide sono comunque valide, anche se la procedura è leggermente diversa.
Nel caso specifico è utilizzato Firefox v. 30.0.



Passo 1: installazione certificato

Preliminaremente dovete procurarvi il certificato rilasciato dal gestore della vostra smart card.

Nel caso di smart card Infocert i certificati (.cert) sono scaricabili qui.

Andiamo su Preferenze, tabella Avanzate, scheda Certificati.


Premiamo il tasto Mostra Certificati (linguetta Autorità) e, dopo avere scompattato l'archivio contenente i certificati, selezioniamoli col tasto Importa.

Se tutto è andato bene il certificato apparirà nella lista in ordine alfabetico.



Passo 2: installazione middleware

Dalla medesima schermata, anziché premere Mostra Certificati, premiamo Dispositivi di Sicurezza.
Premiamo sulla destra il tasto Carica:


Potetre mettere il nome modulo che più vi aggrada, mentre occorrera selezionare correttamente il path del middleware precedentemente installato all'interno di /usr/lib/ (o /usr/local/lib).
Nella successiva schermata spuntate tutte le caselle libere (in numero di tre).

Se al termine di questa operazione vi verrà chiesto di inserire la password ella vostra smart card vuol dire che tutto è andato a buon fine.

Riepilogo brevemente i middleware forniti da Infocert (i numeri indicano le iniziali del codice identificativo smart card).
ipmpki32.so per smartcard: 1201.., 1202.., 1203..,
bit4ipki.so per smartcard: 7420.., 1204.., 1205.., 6090..
bit4opki.so per smart card Oberthur: 170.., 190..
cvP11_M4.so per smartcard: 16..
si_pkcs11.so per smartcard: 1401.., 1402.., 1501.., 1502..
cmp11.so per smart card: 1503..


A questo punto il dispositivo è perfettamente configurato ed è possibile autenticarsi in rete, avendo cura di tenere la smart card inserita nel lettore.

giovedì 22 maggio 2014

Programmare senza scrivere codice, ovvero Pwct

Pwct è un'applicazione che permette di creare programmi senza scrivere (o quasi) una riga di codice.

Tempo fa mi serviva creare velocemente una applicazioncina da usare in ufficio senza però sbattermi troppo a scrivere codice per creare finestre, bottoni, eventi ecc. Mi sono imbattuto casualmente in Pwct, programma per windows, ma che può essere utilizzato anche su linux tramite wine.

Pwct su Xubuntu 14.04
L'installazione e l'utilizzo del programma non hanno dato problemi o malfunzionamenti.
Facciamo un piccolo esempio di utilizzo del programma creando una piccola finestra con un bottone di chiusura, usando Python. Utilizzerò un linguaggio il più semplice possibile affinchè chiunque, anche chi ne è completamente a digiuno, possa provare il piacere della programmazione.
Lanciando il PWCT, questo si aprirà la finesta sotto dove si può notare un codice di esempio. Nella finesta a tendina in alto scegliamo l'ultima voce "PythonPWCT".


Creiamo un  nuovo progetto cliccando sul bottone in alto a sinistra sotto "File".
Si aprirà un'altra finestra che vi chiederà di scegliere quale template volete utilizzare (uno ce ne!!!)


Clicchiamo su "create new file using the selected template" e si aprirà la seguente pagina in cui dovete scegliere il posto in cui salvare la cartella del progetto e il nome del progetto stesso. Qui abbiamo deciso di crearla su scrivania chiamndo la cartella "test pwct" e il file "test"


Si aprirà questa una finestra simile alla prima ma completamente vuota, questo è lo scheletro del nostro primo programma.

Cliccando sull'icona della colonna a sinistra (quella con le due freccine verde e blu) inizieremo ad aggiungere componenti al nostro progetto



Evidenziando la voce windows, iniziamo a creare la nostra prima finestra impostandone anche le caratteristiche


Come vediamo in questa maschera possiamo impostare la dimensione della finestra,il titolo, il colore, il nome che di default è master (lasciamolo così), clicchiamo su ok e la nostra finestra è stata creata. Andiamo a creare i nostri oggetti, cliccando sull'icona qui sotto evidenziata.


Questo è quello che viene creato, aggiungiamo i controlli cliccando su "Add Control":


 Aggiungiamo il nostro bottone di chiusura:

 
E qua sotto impostiamo le proprietà del bottone:


Possiamo notare che possiamo impostare, come per la finestra, dimensione,  nome, colore e sopratutto quale sarà la funzione di questo bottone. In questo caso nell'ultimo box impostiamo il comando master.quit (chiudi l'oggetto master, cioè la nostra finestra) non scordando di attivare questo comando mettendo la spunta nella casella "command" che ho evidenziato. Finito!
Testiamo il nostro primo programmino cliccando sull'icona a forma di punto esclamativo.




Questo è quello che abbiamo fatto, io ho aggiunto una label con il testo "Avola linux users group". 



Se cliccate sul tasto "Chiudi", vedremo la nostra finestra sparire. Abbiamo creato la nostra prima applicazione. Buon studio. :)






sabato 18 gennaio 2014

Open Source nella Pubblica Amministrazione, i lavori proseguono (a rilento)



Ci eravano lasciati con il Decreto Sviluppo (l. 134/2012 art. 22) con il quale per la prima l'open source trovava il meritato riconoscimento nel Codice dell'Amministrazione Digitale.
Finalizzato all'attuazione dell'agognata spending review si stabiliva che:

"Le pubbliche amministrazioni acquisiscono programmi informatici o parti di essi nel rispetto dei princìpi di economicità e di efficienza, tutela degli investimenti, riuso e neutralità tecnologica, a seguito di una valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico tra le seguenti soluzioni disponibili sul mercato:
a) software sviluppato per conto della pubblica amministrazione;
b) riutilizzo di software o parti di esso sviluppati per conto della pubblica amministrazione;
c) software libero o a codice sorgente aperto;
d) software fruibile in modalità cloud computing;
e) software di tipo proprietario mediante ricorso a licenza d'uso;
f) software combinazione delle precedenti soluzioni."
art. 68 c. 1 Cod. Amministrazione Digitale


In parole semplici, la norma impone che prima di procedere all'acquisto di nuovi applicativi, la Pubblica Amministrazione  avrebbe dovuto preliminarmente valutare l'esistenza di soluzioni a buon mercato, ivi compreso il ricorso al software libero.
Dopo l'iniziale entusiasmo da parte della comunità open source, sappiamo che in realtà poco o nulla è stato fatto in tal senso.

Dopo circa un anno di lavori e di confronto con la comunità informatica, nella quale erano presenti, tra gli altri, rappresentanze di The Document Foundation e Free Software Foundation Europe, l'Agenzia per l'Italia Digitale con l'emanazione della Circolare n. 63/2013, ha fornito un importante strumento operativo attraverso una dettagliata interpretazione normativa  la soluzione a casi pratici.

La Circolare, che si basa pesantemente sull'esperienza di Monaco di Baviera, fa propri, applicandoli alla PA, numerosi concetti attinti direttamente dal patrimonio della comunità open source.
Si parla così di libero scambio di informazioni al fine di favorire l'interoperabilità tra le varie pubbliche amministrazioni, della prevenzione del c.d. lock-in (fenomeno che si verifica quando l'utente si trova "intrappolato" in un sistema di soluzioni, senza la possibilità di passare ad altre benché più convenienti, es. i vecchi formati di MS Office), ma anche di una maggiore consapevolezza nelle future soluzioni attraverso l'ingresso di competenze informatiche specifiche, della cui carenza notoriamente risente la PA.
Un chiaro riferimento è anche al "riuso" del software da una PA all'altra, che dovrebbe essere favorito attraverso l'istituzione e il potenziamento di apposite piattaforme di scambio e dell'adozione di formati standard e aperti.

La Circolare tuttavia non impone, come invece potrebbe apparire a una lettura superficiale, il radicale passaggio all'open source.
Anzitutto, la scelta sulle grandi infrastrutture e sul tipo di hardware, non rientrano nell'ambito applicativo della norma. Può così accadere che l'hardware non supportato o mal supportato da una soluzione open, sia di per sé motivo sufficiente per escluderla dal campo delle scelte. Le scelte politiche, insomma, non sono risultano essere mai vincolate.
Rimangono fuori le soluzioni basate sul cloud e sulla virtualizzazione.
La norma entra invece in gioco quando la PA o vuole estendere un proprio servizio a un numero maggiore di utenza, oppure deve passare ad una versione successiva del software acquistando una nuova licenza. In tali casi scatterebbe l'obbligo di valutare comparativamente l'esistenza di soluzioni open source o di riutilizzare altro sofware già esistente e la cui disponibilità può essere ottenuta senza oneri aggiuntivi.

Oggetto della comparazione, continua la Circolare, deve essere non soltanto la libera disponibilità di un software, ma anche elementi accessori, quali il costo di tempo e di risorse per la migrazione (nella sua totalità) e l'eventuale formazione del personale, oltre ovviamente la capacità di essere integralmente rispondenti alle esigenze istituzionali.
Così, non sempre la scelta potrà cadere su una soluzione open, per quanto più performante, in quanto contingenze di vario tipo finirebbero col renderla comunque più svantaggiosa.

A conclusione di questa breve illustrazione riteniamo che la Circolare sia giunta a soluzioni tutto sommato accettabili se consideriamo la posizione di partenza. L'eccessiva durata della procedura, quasi 1 anno e mezzo dalla epocale scelta di abbracciare l'open source, se da un lato ha finito col produrre risultati a tratti fin troppo ovvi, dall'altro si è rivelata inutile per tutte quelle numerose amministrazioni locali (la regione Umbria ultima in ordine di tempo) che già da tempo hanno adottato soluzioni free per l'espletamento dei loro compiuti istituzionali con notevoli risvolti sul piano della finanza pubblica.
Ci auguriamo, pertanto, che prima ancora del sotfware venga un ancor più auspicato cambio di mentalità.

giovedì 2 gennaio 2014

Creazione di un indice automatico con Open/Libre Office

Una delle maggiori problematicità a cui vanno incontro coloro che intendono adoperare Open/Libre Office nei lavori che richiedono particolare cura nella formattazione e nella presentazione (tesine di maturità, tesi di laurea, piccole pubblicazioni, etc.), consiste nella creazione dell'indice.

Il classico approccio da neofita, solo apparentemente più sbrigativo, induce alla scrittura manuale dello stesso, cosa che oltre ad aumentare sensibilmente il rischio di errore, finisce inevitabilmente per produrre l'effetto opposto, ovvero continue correzioni per intervenire sui margini o sui numeri di pagina.

Apache OpenOffice e Libre Office dispongono tuttavia di uno strumento avanzato per la creazione automatica dell'indice, parallelamente alla stesura dei paragrafi capace di fornire ai vostri lavori l'aspetto professionale che desiderate.

Apriamo quindi una pagina vuota del nostro documento e posizionandoci su inserisci -> indici -> indici e tabelle.

Ci apparirà questa schermata:


Si tratta dell'anteprima del nostro indice.

Alla voce "Titolo", possiamo scegliere quale nome attribuire al nostro indice. La scelta di default è "indice generale".

Possiamo impostare, dal primo menu a tendina, la tipologia di indice che preferiamo (generale, analitico, etc.). Se il vostro lavoro è quello di una tesi di laurea, la scelta migliore sarà sicuramente indice generale.

Per una questione di comodità consiglio di togliere già ora la spunta da "protetto contro modifiche manuali". Ci permetterà di intervenire sull'aspetto estetico a lavoro ultimato.

Completato questo passaggio premiamo OK, troveremo quindi questa schermata:


Come è evidente, l'indice appare vuoto (fuorché il titolo che abbiamo pocanzi scelto) in quanto la nostra pubblicazione ancora non esiste.

Premiamo CTRL + Invio per passare direttamente alla pagina successiva e cominciamo a scrivere.

A questo punto occorre prestare particolare attenzione ai tanto famosi stili in quanto è proprio grazie ad essi che la nostra amata suite riconosce cosa fa parte dell'indice nell'indice e cosa no.
Il menu degli stili è presente nel primo menu a tendina in alto a sinistra.

Attribuiamo lo stile "Titolo 1" per individuare il nome del Capitolo:



E lo stile "Titolo 2" per il nome del paragrafo:



A seconda dell'attribuzione di uno stile piuttosto che di un altro, Open/Libre Office suggerisce un particolare tipo di formattazione al testo, in genere in grassetto o con caratteri molto grandi.
Si tratta di una impostazione di default che naturalmente siete liberi di modificare

L'operazione va ripetuta di volta in volta, a seconda di quanti sono i capitoli e i paragrafi, rispettivamente con Titolo 1 e Titolo 2.
E' altresì importante che lo stile del paragrafo sia quello predefinito o "corpo del testo".

Open/Libre Office registrerà tutte le modifiche, ma non aggiornerà l'indice in tempo reale. Per vedere l'effetto senza chiudere il programma, posizioniamoci sulla schermata dell'indice in precedenza creata, e dal mouse premiamo tasto destro -> aggiorna indice/tabella.


Al termine del lavoro il vostro indice somiglierà più o meno a questo:


In questo caso, avendo tolto la spunta alla "creazione automatica dell'indice" durante le operazioni preliminari, sono intervenuto attribuendo il grassetto puttosto che il corsico, e modificato il tipo di font. E' altresì possibile intervenire sulla centratura del testo secondo il risultato desiderato.

I vantaggi sono evidenti.
Non solo avrete creato un indice dai margini perfettamente regolari e simmetrici, ma avrete creato all'interno del vostro documento un collegamento ipertestuale ai singoli capitoli e paragrafi. Premendo il tasto CTRL la freccia del vostro mouse si trasformerà in una mano pronta a portarvi istantaneamente al paragrafo desiderato. Questa caratteristica, fruibile ovviamente solo nella versione digitale del documento, viene automaticamente mantenuta anche nel caso di salvataggio nel formato PDF.

Infine, non preoccupatevi dello sfondo grigio dell'indice. Esso non apparirà nelle stampe né tantomeno nel salvataggio in PDF in quanto Open/Libre Office contrassegna in tale modo le parti di un documento create automaticamente.

domenica 27 ottobre 2013

foto di Nino Campisi

Si è conclusa ieri la giornata del Linux Day, e nel ringraziare l'amministrazione per averci messo a disposizione i locali del centro giovanile e i partecipanti, molti giunti anche da fuori città, tiriamo il bilancio di questa intensissima giornata.

Per il secondo anno consecutivo Avola è stata tra le 104 città d'Italia che hanno ospitato l'evento, gli unici nella provincia di Siracusa e, unitamente a Messina, tra le due città organizzatrici in tutta la Sicilia orientale.

Un problema alla rete wifi (poi risolto) ci ha tuttavia impedito di metterci in collegamento con le altre città organizzatrici, e con le quali ci scusiamo.

Nel corso della mattinata abbiamo parlato di Unity e i suoi problemi, malL'argomento che ha suscitato i maggiori entusiasmi si è rivelato quello sui BitCoin (la moneta elettronica, peer-to-peer, anonima e open source), che ha tenuto aperto facendo slittare nella seconda parte della giornata gli altri argomenti.
Pomeriggio che così è stato così dedicato (dopo una piacevole pausa pranzo) alla parte più pratica (e forse anche più divertente).
Abbiamo appreso i la tecnica, poco nota benché molto antica, della steganografia e parlato di sicurezza informatica. Abbiamo assistito in diretta alla creazione da zero di un web server in soli 5 minuti e scoperto i segreti e i vantaggi di una tecnica poco conosciuta e praticata in ambito desktop: la virtualizzazione.

Sperando di essere stati all'altezza delle aspettative, l'appuntamento è rimandato al Linux Day 2014!


Ringraziamo Avolablog.it, Avolamia.it e Sebastiano Bottone per avere curato e lo streaming video della manifestazione.

Ringraziamo infine Nino Campisi per gli spendidi scatti fotografici.